EVENTI

Un treno di eventi gratuiti tra l’estate e l’inverno, nei quali scoprire la cordialità e l’accoglienza dei lionesi e gustare l’ottima gastronomia locale.

Locandina Luci in altura_mia_per sito

LUCI IN ALTURA
20/21 luglio 2019

Valorizzare il patrimonio naturale e montano, sviluppare la sensibilità per l’ambiente e l’amore per l’arte come identità culturale, attraverso installazioni artistiche e concerti in un grande teatro naturale, circondato dagli alberi con le stelle a fare da soffitto. E’ la manifestazione “Luci in Altura”, che oltre agli artisti vede in scena il verde del bosco e il blu del cielo di Lioni. In località Gavitoni, a pochi chilometri dal centro e nel cuore del Parco dei monti Picentini, due serate che ripropongono il legame della comunità con la montagna: sabato 20 e domenica 21 luglio 2019.

Musicisti come Luca Pugliese, con la formula one man band, e Ambrogio Sparagna con l’Orchestra popolare italiana, allieteranno le due serate assieme a The Martìn & Co. Sextet e Fabio Frignano.

Non solo musica, a esaltare la bellezza notturna della montagna. Le installazioni saranno a firma di artisti irpini. Angelo Di Paolo e Antonio Sena proporranno sculture in legno, realizzate con rami e materiali vegetali, rappresentanti elementi del bosco. La fiber art di Irene Russo darà vita a “Lux Lucis-reconnected”: i giochi di luce e ­fili andranno a legarsi con gli alberi e porteranno lo spettatore a scoprire una nuova suggestione nei confronti della natura preesistente. “Luminescente” di Eleonora Picariello sarà un intervento di arte ambientale per riqualificare l’area destinata ai bambini. Ispirata all’acqua, elemento presente sul territorio, ricrea i colori dell’arcobaleno su strutture già presenti nel bosco, un arco multicolore di luce con colori luminescenti che assorbono i raggi UV per chiunque voglia ritrovare una natura bambina, trasmettendo una sensazione di energia ancestrale. Impreziosisce ulteriormente la scenografia, la video-installazione “Road” di Gianluca Capozzi che, con giochi di luce e proiezioni trees mapping, porrà l’accento sulla sensibilizzazione alla corretta visione della natura e della sua conservazione. Il video prolungamento della natura, un’esplosione di luce e movimento per un viaggio dove la realtà viene allargata da una coscienza più ampia, alterata rispetto all’ordinario e lontana dal mondo logico razionale.

15_16_17 AGOSTO

LUCI IN PAESE
15/16/17 Agosto 2019

Anche 20mila persone arrivano a Lioni tutti gli anni per il tradizionale concerto del 17 agosto. Grazie a “Il treno degli eventi”, sul palco storico di viale IV novembre, sale Giusy Ferreri con il suo tour “Live 2019”. E’ il concertone dell’estate in Alta Irpina. Uno show con nuovi successi e grandi classici da godere al cospetto del santuario di San Rocco e del campanile della Chiesa Madre.

E il 15 agosto alla stessa ora, invece, in scena il cabaret di Peppe Iodice, direttamente dal cast di Made in Sud, mentre lo swing degli Spaghetti Style anima la serata del 16 agosto. Tre appuntamenti, per la direzione artistica di Antonio Sena, che si inseriscono nelle cerimonie ufficiali per il Ferragosto e il patrono San Rocco. Tre serate che dagli anni ’70 rappresentano un must per i tanti emigranti irpini nel mondo e che vedono alternarsi sul palco della grande piazza centrale di Lioni artisti tra i più illustri del panorama musicale nazionale. Il tutto arricchito dalle storiche luminarie di “Luci in paese”.

Con la possibilità di raggiungere Lioni in treno, in sicurezza, recuperando la consuetudine di decenni lontani quando emigranti, devoti e curiosi si fermavano nel comune della valle dell’Ofanto per rendere onore al patrono, visitare la fiera e ascoltare artisti di livello nazionale.

ritir di fuoco 2

RITI DI FUOCO
7/8 dicembre 2019

L’8 dicembre a Lioni è da sempre la “Madonna de lo fuoco”.

E’ l’Immacolata che nel paese altirpino diventa la regina dei falò accesi per decenni, in segno di devozione e di sfida, nei diversi quartieri. Con “Il treno degli eventi” la festa si trasforma in una tre giorni di musica, tradizione, gastronomia, fuochi, arte con protagonisti le leggende, il sacro e il profano.

Il centro storico, raggiungibile in treno, accoglie viaggiatori, turisti e curiosi con le sue piazze, il corso e i vicoli impreziositi da murales che non ti aspetti.

E sotto la direzione scientifica di Roberto D’Agnese, janare, maschere popolari, sputafuoco e cartomanti preparano la scena al concerto della sera dell’8 dicembre.